-->

Premessa..


Ciao a tutti. Benvenuti nel mio blog!
Ci tengo a precisare alcune cose per evitare problemi e polemiche: non sono cosmetologa, erborista, farmacista né medico e quello che pubblico è frutto di quello che leggo su libri che trattano tali argomenti o in diversi siti dedicati. Cerco di informarmi più possibile sugli effetti delle varie sostanze e soprattutto sulle eventuali controindicazioni.
Ciò che può fare bene a me, inoltre, non è detto che vada bene per voi e viceversa, perciò vi consiglio di prendere la mia pagina (e dunque anche questo blog) come una sorta di guida e non certo come la Bibbia. Io non vi conosco, non so se siete allergici a qualche tipo di pianta, ad esempio; inoltre non mi voglio assolutamente sostituire al vostro medico!
Le ricette che pubblico le prendo da vari blog di spignatti, non sono del tutto farina del mio sacco in quanto per ora sto ancora studiando per conto mio.
Se avete domande scrivetemi pure e per quello che posso, sarò felice di rispondervi! Sono aperta a confrontarmi con voi e accetto le critiche purchè costruttive.
CosTy

martedì 27 dicembre 2016

Crema per mani secche e rovinate dal freddo

Ciao a tutti!
Ritorniamo in tema spignatti con questa favolosa crema mani! E' adatta per il periodo invernale poichè contiene burro di karitè, olio di macadamia e olio di germe di grano, tutti e tre ottime sostanze nutrienti, valide in caso di pelle secca e screpolata.
Vediamo insieme la ricetta e le eventuali sostituzioni/omissioni.

La ricetta originale si trova sul gruppo facebook L'Arte dello Spignatto; ma io ho cambiato alcuni ingredienti. Vediamo la ricetta:
FASE A
58,4 gr acqua demineralizzata
5 gr glicerina
0,3 gr xantana
FASE B
8 gr olio di riso
7 gr olio di oliva
6 gr burro di karitè
6 gr olivem 1000
3 gr olio di macadamia
1 gr cera d'api
FASE C
1 gr tocoferolo
1 gr estratto di calendula
1 gr provitamina B5
(o pantenolo)
1 gr olio di germe di grano
0,6 gr cosgard
0,5 gr dry flo
0,2 gr fragranza
pH 5/5,5

In un bicchiere pesiamo la glicerina, in seguito versiamoci sopra la gomma xantana e lasciamo in disparte ad idratare. In un altro bicchiere pesiamo tutta la fase B, a parte il burro di karitè che, essendo piuttosto delicato, va inserito poco prima di togliere il bicchiere dal bagnomaria affinchè non si deteriori con il calore. Riprendiamo il bicchiere con glicerina+xantana e aggiungiamo l'acqua; quindi mettiamo entrambi i contenitori a bagnomaria finchè entrambe le due fasi saranno ben sciolte e amalgamate. Per ultimo aggiungiamo il karitè nel contenitore con gli ingredienti grassi.
Quando anche il burro di karitè si sarà sciolto, versiamo la fase B nella fase A e iniziamo a mescolare per bene con l'aerolatte: perdiamoci un po' di tempo affinchè le due fasi siano completamente amalgamate tra loro! Possiamo comunque aiutarci con un cucchiaino.
Immergiamo poi il bicchiere in un bagnomaria freddo per far raffreddare più velocemente la crema e continuiamo a mescolare di tanto in tanto.
Nel frattempo disperdere il dry flo nell'olio di germe di grano, mescolando bene per evitare che si formino dei grumetti di polvere.
Quando la crema si sarà completamente raffreddata, aggiungiamoci le sostanze della fase C: olio di germe di grano+dry flo, tutti gli attivi, la fragranza e il conservante.
Infine misuriamo il pH: se è troppo basso dovremo aumentarlo utilizzando una goccetta di soluzione di soda caustica al 20% per portarlo a 5/5,5. Invasettiamo la crema e lasciamola riposare un'oretta prima di utilizzarla.

Sostituzioni/omissioni
-acqua: se ce li avete potete usare degli idrolati con proprietà lenitive, addolcenti e calmanti come per esempio i. di camomilla, i. di calendula, i. di lavanda; oppure potete usarne anche uno solo e dividere i 58,4 gr previsti tra acqua e idrolato.
-oli e burri: potete usare quelli che preferite, tenendo però conto della loro densità; per esempio l'olio di macadamia può essere sostituito con olio di mandorle (a quanto ne so sono entrambi di media densità). Fate poi attenzione se si tratta di oli termolabili oppure no: l'olio di germe di grano è inserito nella fase C (fase fredda) proprio perchè, se scaldato, si deteriora! Se non ce l'avete potete optare per l'olio di ricino, da inserire però in B (in quanto non termolabile).
-emulsionante Olivem 1000: la ricetta originale prevedeva di usare cetyl palmitato e olive doucer, che però io non ho. Potete sostituirlo con un altro autoemulsionante, oppure ricorrere a un emulsionante+co-emulsionante, per esempio metilglucosio sesquistearato 3 gr e alcool cetilico 2 gr. Ovviamente non si può omettere! L'olivem 1000 non mi piace granchè come emulsionante, perchè crea una crema un po' "bavosa" (eheh, evviva i termini tecnici.. al momento non mi sovviene una parola migliore :P ma se guardate il video relativo potrete capire di che parlo!) e che lascia un po' di scia bianca (va quindi massaggiata per un certo tempo). Se rifarò questa crema proverò a cambiare sostanza per capire come varia il prodotto finale!
-dry flo: è una polvere bianca molto molto fine e leggera, serve per dare un tocco un po' più asciutto alle creme; potete sostituirlo con amido di riso o di mais, oppure ometterlo ma in questo caso, non dimenticate di inserire pari quantità di acqua in fase A!
-attivi: l'estratto di calendula è un toccasana nel caso di pelle secca o irritata poichè è lenitivo ed emolliente; potete sostituirlo con estratto di achillea oppure ometterlo. Anche la provitamina B5 svolge azioni simili, potete sostituirla con gel di sodio ialuronato, attivo idratante. Il tocoferolo è la vitamina E, facilmente reperibile in farmacia! Infine per quanto riguarda il conservante, chiaramente non si può omettere, ma potete utilizzare quello che preferite, seguendone la scheda tecnica; la fragranza è a vostra scelta: io ho optato per "polvere di fata" di ZenStore che ha una profumazione delicata e non brucia sulla pelle.



Fatemi sapere se proverete a ricreare anche voi questa crema! ;) La trovo ottima! L'ho preparata in realtà per mia mamma, perchè si è impossessata del mio burro di karitè che io uso come leave-in, ma prima di lavare il bicchiere ne ho provata un po': mani morbide e screpolature alleviate per tutto il pomeriggio! Inoltre il profumo permane lasciando una delicata fragranza sulla pelle. Penso che la rifarò proprio per me :)
A presto!
Posta un commento